Registrare marchio comunitario

Registrare marchio comunitario può sostituire la domanda di registrazione di un marchio italiano.

La registrazione Marchio Comunitario (CTM) avviene successivamente al deposito. Entrambe conferiscono protezione unificata in tutti gli Stati membri della Comunità Europea attraverso un’unica procedura di deposito e registrazione, che avviene tramite l’Ufficio per l’Armonizzazione del Mercato Interno.
Il carattere unitario, che si realizza in seguito al deposito marchio comunitario, si evidenzia nel fatto che esso viene registrato, trasferito, dichiarato nullo o decaduto solamente per l’intera Unione Europea e non parzialmente in qualche Stato.
Solitamente la tutela del marchio comunitario è limitata all’uso di esso per prodotti o servizi per i quali è stato registrato o per prodotti e servizi affini.

Il deposito Marchio Comunitario deve avvenire in una o più classi di prodotti e/o servizi (vd. Classificazione di Nizza) ed ha una durata di 10 anni dalla data di deposito marchio comunitario ed è rinnovabile. Legittimata a presentare istanza di registrazione marchio comunitario sono le persone fisiche o giuridiche aventi cittadinanza, domicilio, sede o “stabile organizzazione” in uno degli Stati aderenti alla Convenzione di Parigi o all’Accordo che istituisce l’Organizzazione Mondiale del Commercio (GATT).
Successivamente la domanda di marchio comunitario verrà pubblicata sul Bollettino Marchi Comunitari. Entro tre mesi a decorrere dalla pubblicazione, detta domanda di marchio comunitario potrà essere opposta da terzi soggetti interessati. Qualora non vi fossero opposizioni, il marchio comunitario sarà registrato.
Qualora non fosse utilizzato per un periodo ininterrotto di 5 anni potrebbe essere soggetto, a seguito di istanza di un terzo interessato, a decadere. Inoltre può decadere se è divenuto “idoneo a indurre in inganno il pubblico” o se si è “volgarizzato“.

Sia la domanda di deposito che la registrazione marchio comunitario, conferiscono al titolare il diritto di accedere alla protezione doganale, ovvero a richiedere il sequestro alla dogana di prodotti contraffatti, o presumibilmente tali, che vengono fermati.

Per ulteriori informazioni per la registrazione marchio comunitario non esitate a contattarci.